A due a due… spazio dedicato alla vita matrimoniale

Mio – tuo… Nostro! La Condivisione

francesca-zama-DheCsec02oM-unsplash

 

Chissà quante volte fin da piccoli ci siamo sentiti dire dai nostri genitori o educatori quanto importante e bello fosse imparare ad essere generosi, a donare agli altri qualcosa del proprio, a non tenere per sé ma ad accorgersi del bisogno di chi hai accanto. Poi nel tempo cresci e scopri che devi fare i conti con il fatto che c’è una parte di te che non è tanto disposta a donare con questo grande trasporto; scopri che anche la più bella e più grande motivazione, che puoi portare dentro e che desideri mettere in atto, si scontra con un agire che è il contrario di quello che desideri.

Durante il tempo del fidanzamento spesso i discorsi che gli innamorati si scambiano sono mossi da un desiderio onestamente profondo di essere “dono per” l’altro/a e questo porta a bellissime narrazioni di progetti che parlano di unità, di unione di intenti, di interessi comuni, di attività fatte insieme, di figli e di valori da trasmettere loro che sembrano essere condivisi a livello ideale. E’ paradossale il fatto che sia molto più facile trovare dei fidanzati che usino la parola “nostro” piuttosto che una coppia di sposi!!!

In realtà, sappiamo benissimo come sia facile chiudersi nelle proprie barriere con le paroline magiche “mio” e “tuo“, che diventano scudi nelle battaglie e nei litigi quotidiani (vedi 1. La Complementarietà)

L’atteggiamento capace di dare spazio al “Nostro” parte sempre da una capacità di lui e lei di mettersi a servizio della relazione non perdendo la bellezza della propria identità, che Dio ha donato a ciascuno dei due: l’unità a cui gli sposi sono chiamati non è quella fusionale, ma quella capace di mettere in risalto nel “nostro” la bellezza della diversità.

Condividere per noi sposi è come respirare: o si impara insieme a fare respirazione a pieni polmoni, con ritmo e determinazione, oppure si passerà tutta la vita matrimoniale in una asfittica e fastidiosa apnea.

La Condivisione è per una coppia un vero e proprio stile di vita che intesse nel profondo tutte le giornate attimo per attimo, la cui presenza o assenza si percepisce con grande evidenza. Condividere, per due sposi, è dunque mettere in comune il tutto di ognuno, rivelandolo e donandolo all’altro, nella consapevolezza che questa è la sola strada per conoscere se stessi nella Verità. E’ imparare a farlo in tutti gli aspetti che costruiscono la nostra persona individuale per far nascere quella coniugale, dove l’Io non si perde, ma viene fatto brillare come stella dalla luce del Noi.

 

Se vuoi dare un tuo commento, condividere la tua esperienza o parlare con qualcuno, scrivi a Francesco ed Elisa fam.feletto@gmail.com

Carissimi sposi

1. La Complementarietà – uno

2. La Complementarietà – due